Nella mia cucina online: brioches francesi

locandina del corso online dibrioches francesi
locandina del corso di brioches francesi

Impasti perfetti nella tua cucina con la coach Antonella Grillone.

Dopo aver sfornato brioches col tuppo, osiamo sempre di più, niente poco di meno che: brioches francesi ripiene di crema alle mandorle e cannella, glassate con sciroppo all’arancia e rum. Naturalmente questa impresa titanica richiede la regia di una vera esperta del settore, lei, Antonella Grillone, direttamente dalla sua cucina in Catanzaro. Insomma, nella mia cucina online: brioches francesi.

Non so se Antonella ha un’indole ottimista oppure sa che la fortuna aiuta gli audaci (nel mio caso parecchio audaci), ma lei infonde sicurezza e mi rassicura sempre sul buon esito dei miei esperimenti in pasticceria.

Così è facile: mi butto.

Vi conto tutto per spronarvi a provare questa fantastica esperienza.

Essendo oramai al secondo corso online con Antonella, pensavo di conoscere tutti i segreti dei maestri pasticcieri.

Udite, udite e non vi sentirete più gli ultimi della classe.

Attività propedeutiche

Qualche giorno prima del corso di “brioches francesi ripiene” Antonella mi ha inviato la ricetta e l’elenco delle attrezzature necessarie, oltre ad un video tutorial per preparare, qualche giorno prima del corso, il mix aromatico da inserire nell’impasto delle brioches.

Ecco il primo scivolone. Leggo tra le preparazioni: crema da forno. Ho pensato fosse una crema che si cuoce in forno….voi lo sapete cos’è la crema da forno?

Adesso lo so anch’io: si tratta di una crema pasticcera adatta ad essere cotta in forno, appunto nel ripieno delle brioches oppure in una crostata di pasta frolla.

Me ne vergogno ancora, ma ho confessato subito il malinteso: chissà quante risate si sono fatte le mie compagne corsiste, loro erano tutte bravissime e si capiva che avevano davvero le mani in pasta.

Almeno le ho fatte divertire un po’ tra una lievitazione e l’altra.

Per il resto, da brava allieva mi sono rifornita della farina giusta, dei contenitori, delle teglie e quant’altro venisse descritto accuratamente nella ricetta.

Al supermercato mi aggiravo nel reparto farine per trovare la farina con la giusta percentuale di proteine e siccome questa indicazione è sempre scritta in piccolo ho dovuto allontanare il pacco di farina per intravedere quel numerino magico: proteine 11 g, ma volevo esserne certa ed ho chiesto conferma ad una giovane fanciulla che afferrava al volo una confezione di farina manitoba; nonostante la sua fretta è stata gentilissima, proprio come si fa con una persona anziana (aiutoooooooo).

Il giorno precedente al corso: prova generale per verificare che tutte le allieve accedessero correttamente alle applicazioni utilizzate per il video-corso online.

Il fatidico giorno è arrivato ed io sono da sola in casa al governo del computer, della planetaria, del forno, delle teglie, delle scodelle, delle farine, degli aromi e persino della crema da forno, ma Antonella sostiene che è tutto nella norma. Tiro un sospiro e vado avanti.

Nella mia cucina online: brioches francesi, pronti e via, si comincia

La domenica mattina ho pesato tutti gli ingredienti ordinatamente messi nelle apposite ciotoline coperte con pellicola sulla quale ho annotato con un pennarello rosso i quantitativi contenuti.

Non resta che cominciare ad impastare, qui si fa sul serio.

una corsista che segue in video online il corso di brioches ripiene
si segue online

In famiglia già si pregustano le brioches che al mattino accompagneranno i nostri risvegli insieme a caffè neri e fumanti.

Alle 15.00 scatta l’ora “x” e Antonella si collega con tutte le allieve sparse per l’Italia: ne siamo 13. Oramai siamo un gruppo affiatato e qualcuno ci ha definito un gruppo di “svalvolate”: evviva tutte le svalvolate del mondo che si divertono ad impastare cose buone.

immagine delle corsiste che seguono online il corso di brioches ripiene
eccoci: tutte collegate online

La telecamera di Antonella riprende tutti i passaggi della lavorazione delle brioches

immagine del latte che viene iriscaldato a circa 30°
scaldiamo il latte non oltre 30°: termometro alla mano

Le brave allieve la seguono passo, passo

viene riscaldato il latte ad una temperatura max di 30°
riscaldo il latte ad una temeratura max di 30°

Risultati

Il pomeriggio passa velocemente e tutto sembra filare per il meglio, anche la famosa “formatura” che non è proprio da principianti, ma la pazienza di Antonella che ripete lo stesso passaggio ben quattro volte porta i suoi frutti.

Sono onesta, le mie brioches non sono sicuramente tra le più belle, ma è amore a primo morso: soffici come neve, profumatissime con la loro glassatura al succo d’arancia e rum; una super coccola.

Brioche francesi con ripieno alle mandorle e cannella
Brioches francesi ripiene

Come le chiamiamo?

Io propongo “Antonelline” che poi diventa “Antonelliane” alle mandorle e cannella.

Se le “Mafaldine (panini della tradizione siciliana) prendono il nome dalla principessa di Savoia, alla quale furono dedicate, le brioches francesi con ripieno alle mandorle e cannella prendono il nome dalla loro autrice Antonella.

Nascono così le “Antonelliane” alle mandorle e cannella: POESIA

scivolone su una montagna di brioches
Mi tuffo sulle brioches

Conclusioni e ringraziamenti

Concludo ringraziando Antonella per la sua regia impeccabile e tutte le corsiste. Ma quanto siete simpatiche?

Adesso le “svalvolate” hanno anche un gruppo whatsapp divenuto una vetrina dei golosi, ognuno posta le proprie opere d’arte: davvero un bel vedere

Ma che bella Domenica!

degustazione brioche francese
degusto una brioche ripiena

Procedo ad impacchettare nella pellicola le brioches che saranno congelate e consumate nei prossimi giorni a colazione (basta metterle un minuto nel microonde per averle fragranti come appena fatte).

brioches nella pellicola per essere congelate
Brioches avvolte nella pellicola per essere congelate

Prossimo corso: pasta di mandorle e pasta di pistacchio.

Suggerimenti

Se ce l’ho fatta io, potete farcela tutti: provate a trascorrere una Domenica alternativa, nella vostra cucina tra zucchero e canditi ed in compagnia di tante amiche.

Ringrazio Antonella e tutte le allieve del corso.

Per ogni ulteriore info circa i corsi online di Antonella Grillone, vi lascio il link:

https://www.facebook.com/lemilledelizie.ag/

Titti e la sua crema da forno.

Questo articolo ha 3 commenti.

  1. Agostino Rocco

    Briosches da mille ed una colazione. Complimenti ✌️

    1. Titti

      grazie, è proprio così: la colazione è importante per incominciare al meglio le nostre giornate e chi ben comincia ……

  2. Rosario

    Complimenti per la passione e per le brioches appena sfornate… a vederle sono proprio una poesia …

Lascia un commento