Cornetti sfogliati con burro d’arachidi e crema gianduia

cornetti sfogliati con burro d'arachidi e crema gianduia
cornetti sfogliati con burro d’arachidi e crema gianduia

Cornetti caldi a colazione (con lievito madre, senza burro e sfogliati velocemente)

Che bello, al mattino, sentire il profumo dei cornetti caldi che arriva dalla cucina. Una ricetta semplice con pochi ingredienti, sono i cornetti sfogliati con burro d’arachidi e crema gianduia.

Naturalmente vanno preparati alla sera, lasciati in lievitazione tutta la notte e, al mattino, appena ci si sveglia, si accende il forno per la cottura.

Ingredienti per realizzare circa 15 piccoli cornetti sfogliati con burro d’arachidi e crema gianduia

  • 275 g di farina manitoba
  • 140 g di lievito madre rinfrescato e raddoppiato
  • 1 uovo intero
  • 60 g di zucchero di cocco integrale (utilizzate lo zucchero che preferite)
  • 48 g di olio d’oliva
  • 100 ml di latte di soia (o altro latte)
  • 1 cucchiaino di miele
  • la scorza grattugiata di un bergamotto (oppure arancia)
  • i semi di una bacca di vaniglia
  • 100 g di burro d’arachidi
  • una cucchiaiata di crema gianduia (noi crema di nocciole Novi)
  • granella di nocciole per decorare in superficie
  • due cucchiai di latte per spennellare i cornetti prima di metterli in forno.

Procedimento

Intiepidire il latte (max 32°) e metterlo in planetaria con il lievito madre a pezzi. Azionare il gancio a foglia e fare sciogliere il lievito madre fino a quando formerà una schiumetta. Aggiungere l’uovo e l’olio e mescolare con qualche giro di planetaria. Mettere lo zucchero e continuare a mescolare, poi il miele, la scorza grattugiata del bergamotto ed i semi della bacca di vaniglia, sempre mescolando. Infine aggiungere la farina setacciata.

Lavorare fino ad avere un impasto liscio ed elastico (l’impasto può apparire appiccicoso, ma una volta trasferito sulla spianatoia con un po’ di farina sarà lavorabile con estrema tranquillità).

Trasferire il composto sulla spianatoia infarinata e stendere con il mattarello ottenendo una forma tonda (lo spessore di circa 3 mm.).

Tagliare dalla sfoglia tonda tanti tringoli (della grandezza desiderata) partendo dal centro della sfoglia.

Mettere in una ciotola il burro d’arachidi e la crema di nocciole e lasciare ammorbire mettendo in microonde per una ventina di secondi.

Spennellare ogni triangolo con il miscuglio di burro d’arachidi e crema di nocciole.

Arrotolare i triangoli partendo dalla base e riporre sulla teglia coperta di carta forno, ben distanziati.

Non preoccupatevi se i triangoli non sono perfetti, i cornetti artigianali si riconoscono proprio da questo.

cornetti in lievitazione notturna
cornetti in lievitazione notturna

Coprire con pellicola e riporre in forno spento lasciando lievitare per tutta la notte.

cornetti in lievitazione
cornetti in lievitazione

Cottura

Al mattino appena svegli il primo pensiero va ai cornetti.

Vanno spennellati con latte a temperatura ambiente e coperti con granella di nocciole:

cornetti sfogliati con burro d'arachidi e crema gianduia
cornetti sfogliati con burro d’arachidi e crema gianduia

Mettere in forno preriscaldato, modalità ventilata, a 180°, per 15/16 minuti.

Conclusione e suggerimenti

I cornetti sono pronti per la colazione ed il loro profumo ha svegliato tutta la famiglia (una sveglia automatica) che corre in cucina per degustarli con crema di nocciole, marmellata, crema di pistacchio oppure lisci (ancora più buoni perchè il loro sapore non viene coperto da quello dolce delle varie creme).

Curiosi di vedere l’interno dei cornetti?

cornetti sfogliati con burro d'arachidi e crema gianduia
cornetti sfogliati con burro d’arachidi e crema gianduia

La giornata comincia nel migliore dei modi.

I cornetti che avanzano possono essere congelati negli appositi sacchetti e basterà tirarli fuori dal frigo un’oretta prima del loro utilizzo.

In questo modo ci saranno i cornetti freschi per tutta la settimana, forse ….

cornetti sfogliati con burro d'arachidi e crema gianduia
cornetti sfogliati con burro d’arachidi e crema gianduia

Titti e la sua

logo cucina chiacchierina

Lascia un commento