Caldarroste al forno perfette

caldarroste al forno servite con uva
caldarroste al forno

Le caldarroste perfette: come si fanno?

Da bambina non esisteva il problema, la caldorreste della nonna fatte sulla stufa a legna erano sempre perfette, buonissime, anche se era difficle aspettare quei 5/10 minuti affinché raffreddassero per poterle assaggiare. La nonna le metteva in uno strofinaccio e bisognava aspettare alcuni minuti prima di avere le caldarroste nelle nostre piccole mani. Poi, subito festa. Oggi, purtroppo, non abbiamo una stufa a legna e allora: caldarroste al forno perfette, quasi come quelle della nonna.

Abbiamo provato diverse ricette prese dai vari siti autorevoli del web; alla fine questa ricetta ci è sembrata la migliore, quella che garantisce un ottimo risultato e ci riporta alla magia delle caldarroste della nonna.

Ingredienti

  • 500 g di castagne (quelle belle grosse)

Procedimento delle caldarroste al forno perfette

Lava le castagne e incidile, una ad una, con un taglio a croce sulla pancia (utilizza un coltellino appuntito).

castagne incise per preparare le caldarroste
castagne incise con un taglio a croce

Mettile in un pentolino con acqua e porta a bollore.

caldarroste incise e messe in acqua per una precottura
caldarroste in acqua per una precottura

Trasferisci le castagne precotte su di una teglia coperta da carta forno.

castagne precotte messe sulla teglie del forno per l'ultima cottura
castagne in forno

Lascia cuocere in forno preriscaldato a 220°, in modalità ventilata, per 20/25 minuti.

Una volta che le castagne sono cotte, ponile in uno strofinaccio, avvolgi tutte le caldarroste e lascia che si raffreddino per 5 minuti.

Caldarroste pronte, si sbucciano failmente e sono una bella coccola autunnale.

una caldarrosta cotta e aperta
caldarroste cotte

Conclusioni

A casa nostra, tirare fuori le caldarroste per una merenda, nei giorni di week end oppure dopo una cena, rimane sempre una dolce sorpresa per tutta la famiglia.

Voglio svelare un piccolo segreto: la nonna imbeveva nel vino lo strofinaccio nel quale faceva raffreddare le castagne: ecco perché erano così buone!

Titti e Mariachiara

Lascia un commento