Babka al cioccolato e nocciole

babka al cioccolato
babka al cioccolato

Un plumcake speciale, aromatizzato con arancia e cannella, farcito con cioccolato e decorato con granella di nocciole.

La babka è un dolce (una sorta di brioche) associato alla tradizione della Pasqua dell’ebraismo dell’est europeo. Questa babka viene realizzata con due strati intrecciati di pasta, e cucinata in una teglia alta da pane. L’impasto può contenere cannella o cioccolato. Ecco la nostra versione di babka con cioccolato e nocciole.

Ingredienti per due babka al cioccolato e nocciole

  • 200 g di farina doppio zero, o zero con proteine 10 (sono indicate sulle confezioni della farina)
  • 220 g di farina manitoba con proteine 15
  • 90 g di burro a temperatura ambiente
  • 230 g di latte di soia (utilizzate pure il latte che preferite)
  • 80 g di zucchero di cocco integrale (utilizzate pure lo zucchero che preferite)
  • 4 tuorli
  • 15 g di lievito di birra o 5 g di lievito secco
  • 1 pizzico di sale
  • la scorza grattugiata di un’arancia
  • un cucchiaio di pasta d’arancio (solo se l’avete)
  • i semi di una bacca di vaniglia

per il ripieno

  • 250 g di cioccolato fondente
  • 8 g di cannella
  • 60 g di burro

per decorare

  • 30 g di gocce di cioccolato (precedentemente congelate)
  • 30 g di granella di nocciole
  • zucchero a velo
  • 2 cucchiai di latte per spennellare la babka prima di cuocerla in forno

Procedimento per realizzare due babka al cioccolato e nocciole

Sbattere i tuorli con il latte.

Mettere in planetaria le farine, lo zucchero ed il lievito e mescolare con il gancio a foglia. Aggiungere a filo il latte ed i tuorli ed impastare fino ad incordare bene l’impasto (una decina di minuti).

Infine inserire il sale e per ultimo aggiungere il burro a pezzetti cercando di fare assorbire bene ogni pezzo prima di inserirne un altro.

Continuare ad impastare per amalgamare bene tutti gli ingredienti ed avere un composto liscio, sodo ma non duro.

impasto babka in lievitazione
impasto babka in lievitazione

Mettere in una ciotola con coperchio oppure coprire con pellicola e fare lievitare in ambiente caldo (perfetto il forno con la luce accesa per avere una temperatura tra 26 e 28 gradi) fino al raddoppio (mettere il segno del raddoppio con il pennarello sulla ciotola). Ci vorranno 3/4 ore.

Preparazione farcia

In un robot mettere il cioccolato spezzettato, la cannella ed il burro a piccoli pezzi. Ottenere una sorta di crumble.

Formatura

Al raddoppio dell’impasto, versarlo delicatamente su un piano di lavoro leggermente infarinato e stenderlo con le mani cercando di realizzare un rettangolo di cm 45 x 35 circa ed il circa è fondamentale.

Coprire il rettangolo con il crumble di cioccolato.

Arrotolare dal lato lungo del rettangolo e formare un salsicciotto.

impasto treccia con crema di pistacchi
impasto babka

Fare un passaggio di 10 minuti in congelatore per agevolare il taglio del salsicciotto.

Dividere a metà il salsicciotto ed intrecciare i due fili.

Dividere la treccia secondo le dimensioni dei nostri stampi da plumcake che devono essere ben imburrati (noi uno da 21 ed uno da 24 cm).

babka in lievitazione
babka in lievitazione

Coprire gli stampi con pellicola o coperchi (oleati) e porre in forno con luce accesa per la seconda lievitazione (un paio d’ore).

Quando le due babka saranno belle gonfie spennellarle con un po’ di latte e coprire con gocce di cioccolato estratte dal congelatore e granella di nocciole.

Cottura

Accendere il forno a 170°, modalità ventilata.

Lasciar cuocere per 35 minuti circa, ma controllare che non scuriscano troppo ed eventualmente dopo 20/25 minuti coprire con carta argentata.

Lasciare raffreddare i dolci e sformare delicatamente.

babka al cioccolato
babka al cioccolato

E l’interno?

Ecco la foto di rito, mi prendo sempre gli improperi della mia famiglia che vorrebbe assaggiare all’istante ed invece deve aspettare che si facciano le foto:

una fetta di babka al cioccolato
una fetta di babka al cioccolato

Conclusioni e suggerimenti

La babka può essere farcita anche con confettura, crema di nocciole o altro.

Titti e la sua

logo cucina chiacchierina

Fine dei contenuti

Non ci sono più pagine da caricare